Faq

Quali materiali utilizzate per costruire le vostre abitazioni?

La Casa sull'albero viene realizzata con la scelta dei materiali lignei e metallici più rispondenti alle vostre richieste.
Solitamente legno e metallo convivono sinergicamente, sia nei componenti della struttura che dei rivestimenti.
Ampie superfici vetrate completano i nostri progetti, creando visuali privilegiate e garantendo un'inconfondibile rapporto con la luce naturale.
Nelle finiture interne il legno conferisce alla qualità dello spazio il calore visivo e tattile che contraddistingue le nostre Architetture.

Le nostre strutture sono realizzate con il sistema costruttivo Xlam, chiamato anche CLT (Cross Laminated Timber): è un compensato di tavole a strati incrociati, con le fibre a 90 gradi. È definito il "muro di legno".
Si tratta di un sistema costruttivo scatolare in rapidissima espansione. Ormai si costruiscono senza difficoltà palazzi di 9/10 piani in tutta Europa. Il compensato di tavole si impiega sia per la costruzione della parete, sia per la costruzione del solaio.
I giunti fra pareti, ben progettati, dissipano i movimenti tellurici.
Il prodotto sopporta i carichi verticali come un insieme di pilastri; sopporta i carichi orizzontali come un insieme di travi capaci di distribuire i carichi concentrati su tutta la superficie, sia in orizzontale, sia in verticale.

Che tipo di isolamento viene utilizzato?

Per quanto riguarda l'isolamento sfruttiamo le elevatissime prestazioni degli isolanti termoriflettenti, prodotti che derivano dalla tecnologia NASA per i programmi spaziali.
Appositamente studiati per l’impiego nell’edilizia civile e industriale, consentono di ottenere prestazioni eccezionali ed un elevato risparmio energetico che, ancor più delle energie alternative, rappresenta il modo più immediato e corretto per ridurre l’inquinamento atmosferico e salvaguardare l’ambiente.
Gli isolanti termoriflettenti devono le loro elevate performance alla riflessione del calore trasmesso per radiazione.

Le nostre strutture isolate con i materiali termoriflettenti garantiscono:

  • pareti interne più calde in inverno e fresche in estate;
  • minori moti convettivi all'interno dell'ambiente;
  • miglior comfort abitativo a parità di temperatura interna;
  • raffrescamento e riscaldamento degli ambienti più rapido.

Quali tipi di strutture si possono realizzare?

alberi&case è in grado si soddisfare qualsiasi richiesta del committente: case e uffici privati, suite per hospitality dedicate al turismo, alla degustazione oppure allo sport, terrazze panoramiche, strutture dedicate al Wellness e alla cura del corpo, abitazioni o locali per giardini pubblici e privati, spazi per i bambini ma anche strutture per glampig, treeresort, rifugi per zone montane e persino case sull’acqua.

Quali alberi possono essere utilizzati?

Per strutture completamente sospese consigliamo alberature con diametro di almeno 40 cm. Le essenze più indicate sono in genere la quercia, il pino domestico e marittimo, l’acero, il platano, il faggio, il carpino, il castagno, il leccio, il frassino, il tiglio... ma si possono utilizzare anche altri tipi di pianta.

Si sconsigliano alberature troppo giovani o esemplari con un accrescimento troppo rapido.
Per le strutture parzialmente sospese non ci sono grossi vincoli riguardanti il tipo di pianta perché non devono supportare l’intero carico della struttura.

Quali permessi bisogna chiedere per costruire una casa sull'albero?

In Italia le case sull’albero non rispondono a una normativa specifica, come accade invece in altri Paesi. Le case sull’albero, a livello nazionale, rispondono dunque alle medesime leggi dell’edilizia tradizionale.
Di fatto bisogna richiedere alle amministrazioni comunali un "Permesso a costruire".
Le leggi che regolano i permessi variano da Comune a Comune.

Avete qualche professionista nel vostro team che si occupa delle pratiche comunali?

Certamente. Alberi&case può mettere a disposizione del committente architetti, ingegneri e geometri che si occupano direttamente di interfacciarsi con i tecnici comunali per verificare tutti i parametri che le amministrazioni stabiliscono in relazione ai permessi a costruire.

Avete un professionista che si occupa di sviluppare uno studio di fattibilità?

Si. Un nostro incaricato si prenderà carico di redigere uno studio di fattibilità con indagine della situazione locale della Proprietà, dei vincoli in essere, delle reali possibilità edificatorie, in interfaccia con gli organismi locali competenti.

In cosa consiste lo studio di fattibilità?

  • Sopralluoghi tecnico-operativi;
  • Interfaccia con il Professionista incaricato della redazione delle pratiche comunali;
  • Progettazione preliminare con 3 differenti soluzioni stilistiche;
  • Sviluppo della progettazione architettonica della soluzione prescelta, con modellazione tridimensionale ed inserimento virtuale della soluzione stessa nel contesto ambientale;
  • Verifiche strutturali della soluzione prescelta;
  • Progettazione architettonica finale, necessaria all'ottenimento dei permessi comunali, già pronta da inoltrare alla (eventuale) fase realizzativa.

Le case sull’albero sono dotate di acqua corrente e di energia elettrica?

Ovviamente si. Le nostre suites sono dotate di ogni comfort, possono dunque essere dotate di acqua e luce collegandosi ai comuni impianti idraulici ed elettrici.

A richiesta possiamo utilizzare anche ogni tipo di energia alternativa, dai pannelli fotovoltaici alla geotermia, passando per generatori elettrici ed accumulatori di acqua calda.

In base alle specifiche richieste del committente siamo in grado di fornire addirittura strutture autosufficienti.

Quali sono le tempistiche per costruire una casa sull’albero?

Dipende da molti fattori, i principali sono: le dimensioni della struttura, il luogo di intervento e il grado di finitura richiesto. I tempi quindi posso variare tra le 6 settimane per le strutture più semplici fino ad arrivare a qualche mese per le strutture che richiedono una lavorazione più complessa.

A che altezza può essere costruita una casa sull’albero?

alberi&case non si pone limiti in questo senso. Se le alberature lo consentono, se non ci sono grossi problemi per gli accessi e le dimensioni della struttura lo permettono, possiamo costruire una casa sull’albero anche oltre gli 8 metri di altezza.
Difficilmente comunque si costruiscono strutture sotto i 3 metri di altezza.